AviFoto.it

Come costruire una trappola ad infrarossi  


Avevo necessità di utilizzare una trappola ad infrarossi e visti i prezzi di quelle in commercio ho deciso di costruirmela da solo. Una trappola ad infrarossi è un dispositivo che provoca lo scatto dell'otturatore al passaggio o/e al rilevamento di una variazione di calore presente nel raggio di azione del sensore. Fatte le debite ricerche in rete e chiesto consiglio a fotografi che avevano già construito un dispositivo del genere vado ad illustrarvi il risultato

Il prima ed il dopo.

Materiale occorrente
  • 1 sensore PIR (io ho usasto Aritech EV100 circa 10 € ottimo perché a doppia tecnologia e No Pet Immun che significa: al passaggio di un animale domestico il dispositivo si aziona)
  • 1 cavetto commerciale a 10 pin per D300 (ho usato e disassemblato uno acquistato a 9,90 € su Ebay)
  • 1 relé Reed 12 V (costo 1,50 €)
  • Nastro telato camo (5 €) per la imetizzazione finale
  • 1 Batteria al piombo da 12 V 7Ah (10 €)
  • Filo elettrico a bassa resistenza
Aprire il sensore e collegare i due fili d'alimentazione che vanno collegati al relè (fili verdi) insieme ai due fili (bianco[-] e rosso[+]) che andranno invece alla batteria sui contatti 0 e 1 nel sensore, rispettate le polarità indicate). Avrete quindi due coppie da due fili che vanno in due contatti. Attenetevi alla descrizione del circuito del sensore, le posizioni sono indicate chiaramente con dei numeri.
Quindi disassemblare il cavetto di scatto a 10 pin. In questo tipo commerciale di dispositivo ci sono tre fili di solito, unire il giallo con il rosso, il bianco lasciarlo libero e collegarli alle posizioni 2 e 3 che andranno al relè.

Collegare i fili del cavetto di scatto a 10 PIN nei due piedini del relè più esterni. Il relè Reed che ho usato io ha 2 file da 4 piedini.
Collegare quindi i fili dell'alimentazione verdi, che provengono dal sensore, ai due pin centrali del relé. Nella figura a sinistra è mostrato il relè coi contatti protetti da una piccola colata di colla a caldo.
A questo punto avrete il sensore da cui escono una coppia di fili che andrà collegata alla batteria a secco ed il cavetto di scatto a 10 PIN da collegare alla fotocamera. Il relè l'ho saldato ad una basetta multiforo e successivamente incollato con la colla a caldo nella parte posteriore del sensore per mancanza di spazio all'interno dello stesso.
Usare del nastro telato camo per mimetizzare il sensore, di qualità e rimovibile possibilmente.
Il lavoro è finito. Il sensore provoca lo scatto dell'otturatore al passaggio di un corpo nel suo raggio d'azione.


[home]

riccardo gessa web designer 2008